Salta al contenuto principale
Please enable JS

Comincia il film! la fase operativa del corso di coaching

Cosa si intende realmente con fare coaching aziendale?

Dopo aver definito i ruoli e le persone da coinvolgere, si procede con la fase operativa della formazione. Innanzitutto si definisce un calendario di incontri (di norma da 4 a 6 riunioni per ogni percorso di coaching) a intervalli di 2-4 settimane, a seconda delle esigenze e dai vincoli aziendali.

Durante gli incontri la mia figura di coach si adatta alle richieste e alle necessità dei clienti. Se l’obiettivo è la creazione di una Visione strategica, il compito del formatore è prima di tutto fornire una panoramica globale del mercato, il relativo andamento e le chiavi di lettura (si tenga a precisare che il coach opera in qualità di strumento di lettura, mentre le competenze tecniche restano in carico al Board).

Dopodiché attraverso un approccio interattivo si pongono quesiti al Team Leader o al Board, si creano dei momenti di riflessione allo scopo indurre i partecipanti verso la creazione di un’immagine chiara e trasparente della Visione che acquisterà corpo e sostanza nel corso dell’incontro orientando la comunicazione da un livello astratto a un livello concreto, pratico e peculiare.

Questo processo creativo prende forma grazie a schemi e rappresentazioni grafiche di modelli di ragionamento, come il Business Model Canvas, che assolvono lo scopo di rendere estremamente immediati e semplificati gli aspetti complessi di un’azienda.

Questo metodo permette ai partecipanti di restare focalizzati per tutta la durata dell’incontro, perché quando la mente comprende dove focalizzare l’attenzione e il modo per sintetizzare le complessità, diventa altamente performante. Il processo, composto da schemi e concetti, è finalizzato alla praticità definita attraverso ruoli e attività da ultimare per rispondere a quesiti relativi alla individuazione dei ruoli, definizione delle scadenze delle attività e alla metodologia adottata. Attraverso questo metodo è possibile raggiungere l’obiettivo prestabilito nelle sessioni di coaching: acquisizione di nuove competenze da parte del Team Leader, ovvero una nuova percezione di sé stesso, un miglior allineamento nei confronti dei colleghi di Board e collaboratori. Questo percorso permette al Team Leader di conoscere e impiegare adeguatamente i punti di forza e prevedere gli indebolimenti delle performance. Inoltre conoscendo i propri collaboratori è possibile comprenderli in profondità per poterli aiutare in modo concreto nel proprio ruolo. A questo punto il Team Leader possiede tutti gli strumenti per creare strategie d’attacco al mercato vincenti, sa riconoscere i meccanismi di relazione del team e migliorare in modo consapevole le performance dei singoli.



POST CORRELATI